Divertiamoci con fluxbox – Parte 3

Bene eccoci giunti alla terza puntata dei nostri articoli su fluxbox.

In questa puntata vedremo:

  • Come creare una shell trasparente, visibile su tutti i desktop
  • Altre proprietá del file app

Partiamo dal primo punto, creeremo una shell trasparente come quella in figura:

La shell che verrà utilizzata si chiama “aterm” quindi se non l’avete installata fatelo ora. Se siete utenti archlinux vi basta dare:

pacman -S aterm

altrimenti usate il  package manager della vostra distribuzione, o in assenza potete scaricarlo da qua:  http://www.afterstep.org/aterm.php

Una volta installato, per avere il terminale trasparente basta aggiungere/modificare nel menu di fluxbox l’entry relativa ad aterm. Il comando da lanciare è il seguente:

aterm -tr -fg yourcolor +sb

Notiamo che in aterm le opzioni si attivano o si disattivano usando il – o il + davanti l’opzione. Con – si attiva, mentre con + si disattiva (si lo so è un pò antiintuitivo). Le opzioni del comando precedente sono:

  • -tr : Abilita la trasparenza
  • -fg yourcolor : Seleziona il colore per il testo
  • +sb : Disattiva la scrollbar

(la scrollbar viene disattivata, perche se vogliamo una shell trasparente è un pò brutta da vedere!!!!).

Ma tutto questo non basta, perche se lanciassimo la shell così, avremo i seguenti problemi:

1. Si vedrebberò ancora i pulsanti di chiusura

2. La posizione della finestra non è detto che sia sempre la stessa

3. Sarebbe visibile solo su un workspace

4. Sarebbe sempre visibile nella IconBar

Per risolvere questi problemi, dobbiamo modificare le impostazioni dell’applicazione mediante il file apps. Apriamo quindi questo file, e aggiungiamo un entry per aterm (per maggiori informazioni sul file apps vi rimando alla seconda puntata):

[app] (name=aterm)
...
[end]

Cosi facendo fluxbox ogni volta che viene avviato il programma aterm, andrà a leggere nel file apps le impostazioni definite. Ora all’interno di questa entry dovremo specificare diversi parametri, vediamoli uno ad uno:

[Position]    (LOWERLEFT)     {0 80}

Con questa riga indichiamo la posizione che avrà la nostra finestra, l’argomento fra parentesi tonde indica la posizione di riferimento dell’applicazione, e le opzioni disponibili sono:

  • WINCENTER
  • CENTER
  • UPPERLEFT
  • UPPERRIGHT
  • LOWERLEFT
  • LOWERRIGHT

Quindi con Lowerleft diciamo che la nostra applizazione sarà posizionata in basso a sinistra, e le coordinate {X,Y}, indicano la distanza orizzontale e verticale dalla posizione relativa definita. Nel nostro caso quindi aterm si trova con distanza x=0 e y=80 dall’angolo in basso a sinistra. Ovviamente voi potete specificare la posizone che preferite.

[Deco]        {NONE}

Con questo indichiamo quali decorazioni della finestra vogliamo, essendo una shell trasparente che deve sembrare integrata con il desktop, non ne vogliamo nessuna.

[IconHidden]  {yes}

Con questa indichiamo che l’icona dell’applicazione lanciata non deve apparire nella barra dei programmi in esecuzione.

[Sticky]      {yes}

Questo permette di rendere visualizzabile il programma su tutti i Workspace.

[Layer]       {12}

Con questa indichiamo su quale “livello” aprire aterm. Con 12 indichiamo il livello desktop (quindi se per esempio viene lanciato con dei programmi in primo piano, questo programma non verrà messo in primo piano, ma si avvierà dietro tutte le applicazioni.

Infine l’ultima opzione è questa:

[Close]       {no}

Con la quale specifichiamo che le modifiche alle impostazioni del programma non vanno salvate in uscita.

In conclusione l’entry relativa ad aterm nel file apps , dovrà essere simile alla seguente:

[app] (name=aterm)
  [Position]    (LOWERLEFT)     {0 80}
  [Deco]        {NONE}
  [IconHidden]  {yes}
  [Sticky]      {yes}
  [Layer]       {12}
  [Close]       {no}
[end]

Ora che abbiamo la nostra shell, vogliamo anche fare in modo che questa parta automaticamente all’avvio. Sempre nel file apps aggiungiamo la seguente linea (al di fuori della voce relativa ad aterm):

[startup]   {aterm -tr -fg white +sb}

Per oggi penso possa bastare!!! Alla prossima!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.