Aiuto: ho aggiornato gentoo e non funziona più la tastiera

Se recentemente avete aggiornato gentoo, e al successivo riavvio vi siete accorti che in X non vi era più traccia della tastiera (senza apparente errore), non vi preoccupate la soluzione è piu facile del previsto e questo nuovo tips and tricks vi aiuterá. Vediamo come risolvere il problema.

Intanto il pacchetto che ha causato questo malfunzionamento è udev. Che ha “rotto” il linking del pacchetto evdev (deputato a gestire la tastiera). Ora se avete xdm installato, per poter avviare il computer e tentare di risolvere il problema avete due possibilitá:

  • Se ssh è configurato per partire all’avvio potreste provare a  collegarvi con ssh
  • Mentre se non lo avete, o non sapete cosa è ssh invece al  riavvio del pc, quando vi si presenta la schermata di gurb, premete il tasto “e” sulla voce linux che intendete avviare, posizionatevi sulla riga di caricamento del kernel premete di nuovo il tasto “e”, aggiungete l’opzione nox che indica al sistema di non avviare x. Premete invio e poi “b”, dovrebbe partire il sistema.

Ora vi dovreste trovare la schermata di login da linea di comando, entrate come root, e date il comando:

revdep-rebuild --library libudev.so.0

Aspettate il termine, e al prossimo riavvio il vostro sistema dovrebbe esser tornato a funzionare quindi riavviate tranquillamente  🙂

Blackberry z10: utilizzarlo per lo sviluppo su linux

Negli ultimi tempi i nuovi sviluppi di RIM e del suo Blackberry hanno acceso il mio interesse. Fino a un anno fa mai avrei pensato di farmi un device blackberry, e soprattuto mai avrei pensato che dopo essermelo fatto ne sarei rimasto estremamente soddisfatto. E invece oggi sono il felice possessore (complice anche una tariffa tim convenientissima) di un blackberry z10. I motivi che mi hanno spinto a scegliere uno z10 sono (oltre l’impossibilitá di trovare con la stessa tariffa, il galaxy s3):

  • L’acquisizione da parte di RIM di QNX
  • L’utilizzo di QNX RTOS come base per il loro nuovo sistema operativo
  • QNX è un sistema operativo di famiglia unix, real-time e microkernel aderente agli standard posix.
  • Il framework nativo per scrivere le applicazioni per blackberry è basato sulle QT (o meglio un framework scritto sopra le QT) e quindi si porgramma in C++.
  • L’ambiente di svilupoi e l’emulatore erano anche disponibili su Linux

Quindi ho iniziato a sviluppare utilizzando Linux e l’emulatore blackberry senza incontrare molti problemi di configurazione. Poi quando mi è arrivato il nuovo device è giunta l’ora di provare le mie applicazioni su un dispositivo reale 🙂 In questa guida non entro nello specifico di come installare un debug token, o come abilitare la modalitá debug del telefonino (quella la trovate su developer.blackbery.com) mi limito a spiegare cosa occorre fare per far vedere alla nostra distribuzione linux (se non lo fa gia) il device blackberry.

I telefonini blackberry si interfacciano al computer via usb, utilizzando un protocollo di rete, quindi per poter funzionare il kernel deve avere compilato (come modulo o builtin) aclune componenti per le schede di rete USB.

 

Continue reading Blackberry z10: utilizzarlo per lo sviluppo su linux